TeleradioFax n.12/2004 -12 Giugno 2004

image_pdfimage_print

 Scarica il testo in formato PDF

 

Sommario:


MISURE DI SOSTEGNO PER LE IMPRESE RADIOFONICHE E TELEVISIVE LOCALI

■ Facendo seguito alle comunicazioni già fornite a mezzo TeleRadioFax e mediante apposite circolari per gli associati, comunichiamo che è iniziato il pagamento dei contributi per le misure di sostegno alle imprese televisive locali per l’anno 2003. Per quanto riguarda, invece, le misure di sostegno alle imprese radiofoniche locali, il Ministero delle comunicazioni ha ultimato la definizione dei contributi alle emittenti radiofoniche relativi all’anno 2002. In questi giorni è inoltre in spedizione, da parte dello stesso Ministero, la comunicazione formale degli importi liquidabili alle emittenti radiofoniche interessate dai suddetti contributi per l’anno 2002; tali importi tengono conto anche delle compensazioni con eventuali canoni di concessione pregressi dovuti dalle imprese radiofoniche locali.

Il Ministero delle comunicazioni sta inoltre inviando in questi giorni alle imprese radiofoniche locali comunicazioni al fine di acquisire la documentazione e i certificati necessari per il completamento delle istruttorie relative alle misure di sostegno per l’anno 2003. Si evidenzia l’importanza che le emittenti radiofoniche interessate rispondano al più presto affinché possa essere completato in maniera celere l’iter istruttorio delle pratiche stesse.

 

 

AGCOM: CON LA DELIBERA 118/04/CONS VIENE FISSATA LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI ISTRUTTORI DI CUI AL NUOVO QUADRO REGOLAMENTARE DELLE COMUNICAZIONI ELETTRONICHE

■ L’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha approvato un provvedimento regolamentare (si tratta della delibera 118/04/CONS del 19 maggio 2004) che avvia la fase formale dei procedimenti sulle analisi relative ai 18 mercati delle comunicazioni elettroniche identificati dalla Raccomandazione della Commissione europea sui mercati rilevanti. In particolare, il “mercato 18” si riferisce ai servizi di diffusione radiotelevisiva per la trasmissione di contenuti agli utenti finali. Tale fase è stata preceduta, a partire dal settembre 2003, da una attività di raccolta e di esame dei dati che si è ora conclusa. Ciascun procedimento ha per oggetto l’analisi del mercato rilevante, la valutazione di concorrenzialità, l’identificazione degli eventuali operatori dominanti e la formulazione di una proposta in merito alla revoca, mantenimento o modifica degli obblighi esistenti ovvero in merito all’introduzione di nuovi obblighi. Le proposte di provvedimento saranno sottoposte a consultazione pubblica e, successivamente, al parere dell’Autorità antitrust e quindi notificate alla Commissione europea. Con successiva determina 01/04, pubblicata in G.U. n. 132 dell’8 giugno 2004, l’Authority ha stabilito le disposizioni organizzative relative all’attività istruttoria di cui alla delibera n. 118/04/CONS, indicando i funzionari responsabili dei singoli procedimenti istruttori. Inoltre è stato istituito un Comitato di coordinamento formato dai coordinatori dei dipartimenti e dei servizi unitamente al direttore del servizio giuridico. La durata dei procedimenti è fissata in 120 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta ufficiale della determina e, quindi, il termine è fissato per il prossimo 6 ottobre. Fino al completamento delle analisi di mercato e dell’identificazione dei relativi rimedi per garantire una piena concorrenza, permangono in vigore gli attuali obblighi gravanti sugli operatori aventi notevole forza di mercato.

 

 

APPELLO DEL COMITATO “TV E MINORI” RELATIVO ALLE TRASMISSIONI SU ABBANDONI DI NEONATO

■ Il Comitato per l’applicazione del codice “Tv e minori”, di cui fa parte AERANTI-CORALLO, ha ritenuto opportuno, nella seduta dello scorso 25 maggio, rivolgere un appello alle emittenti affinché, al di fuori dell’informazione su singole vicende di attualità relative all’abbandono di neonati, contribuiscano a fornire alle future madri preziose informazioni sulla normativa esistente. Tale normativa, come è noto, consente a ogni madre, quale che ne sia la cittadinanza, di fruire dell’assistenza al parto con garanzia di riservatezza e favorisce le pratiche di adozione e affidamento, evitando esiti disperati quali l’abbandono del nascituro. Il Comitato sottolinea come, mentre le occasioni, formule e modi informativi non possono che essere scelti da ciascuna emittente, ogni contributo conoscitivo concorrerà all’obiettivo di salvare vite appena venute all’esistenza.

 

 

DAB-T: PER AERANTI-CORALLO IL SISTEMA NON HA FUTURO

 

■ Sul tema della radiofonia digitale DAB-T, AERANTI-CORALLO ha in più occasioni espresso tutte le proprie riserve. Il quotidiano .COM ha recentemente affrontato la problematica pubblicando, nel numero di giovedì 10 giugno, un’intervista al coordinatore AERANTI-CORALLO Marco Rossignoli. Nella stessa, Rossignoli ha sottolineato la sostanziale mancanza di prospettive per lo sviluppo del DAB-T in Italia e, ricordando lo studio realizzato da AERANTI-CORALLO(disponibile nel sito www.aeranticorallo.it, nella sezione “In primo piano”) ha evidenziato come l’adozione del DAB-T imponga alle imprese radiofoniche la migrazione su bande di frequenza diverse rispetto a quelle attualmente utilizzate, con un aggravio di costi cui non corrisponde alcun beneficio. Inoltre vi è la problematica dell’esistenza di due diverse bande di frequenza, banda III e banda L, sulle quali dovrebbe operare il DAB: tali bande hanno caratteristiche tecniche profondamente diverse. Il fatto che non vi siano abbastanza frequenze per tutte le imprese radiofoniche, locali e nazionali, su un’unica banda, rende concreto il rischio di una disparità di trattamento di alcuni soggetti a favore di altri (dato che quelli operanti in banda L dovrebbero installare molti più impianti e quindi sostenere maggiori costi, per avere una minore copertura rispetto a quelli operanti in banda III).
Inoltre, la possibilità offerta dalla tecnologia DAB di trasmettere dati e servizi interattivi non si presenta particolarmente interessante poiché la radio, essendo ascoltata prevalentemente mentre si è impegnati in altre attività o in condizioni di mobilità, non si presta a questo tipo di diffusione che, nella maggior parte dei casi, non sarebbe fruibile dagli utenti.
Rossignoli ha quindi evidenziato l’opportunità di studiare il sistema digitale “IBOC”, (In band on channel), già utilizzato negli Stati Uniti, dove, a differenza del DAB, vengono impiegate le medesime frequenze per trasmettere sia in analogico che in digitale, al fine di valutarne l’eventuale applicabilità in Italia. Rossignoli ha quindi ricordato nell’intervista che, al fine di evitare il rischio di un eventuale accaparramento delle poche frequenze disponibili da parte di alcuni a danno di tutti, molte emittenti radiofoniche locali AERANTI-CORALLO hanno già presentato domanda di abilitazione alle trasmissioni sperimentali digitali
DAB-T in terza banda, sottolineando comunque che le trasmissioni in tale banda potranno eventualmente avvenire solo quando tutti i richiedenti saranno posti nelle condizioni di poter effettivamente trasmettere.

 

 

IN BREVE: CONVEGNI

 

■ Sabato 19 giugno, dalle ore 9.15, si svolge presso l’aula magna dell’Università Politecnica delle Marche – Montedago (Via Brecce Bianche 1, Ancona) un convegno sulla tv digitale terrestre. Al convegno interverranno, tra gli altri, il Rettore dell’Università Politecnica delle Marche prof. Marco Pacetti, il prof. Roberto De Leo della stessa Università, il Presidente del Corecom Marche Gianni Marasca. Per AERANTI-CORALLO parteciperà al convegno il coordinatore Marco Rossignoli.
Mercoledì 7 luglio, con inizio alle ore 9.00, si svolgerà a Villa Griffone (Pontecchio Marconi) una Giornata di studio sulla TV digitale Terrestre. Suddivisa in tre sessioni, la giornata (che verrà aperta dal Presidente della Fondazione Marconi Gabriele Falciasecca), affronterà i diversi aspetti della transizione al digitale e si concluderà con una tavola rotonda (alle ore 16.00) sul punto di vista delle televisioni locali e della carta stampata. Alla tavola rotonda (dove è prevista la partecipazione anche di alcuni editori televisivi locali) parteciperà per AERANTI-CORALLO Fabrizio Berrini.
Venerdì 16 luglio, presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Pavia (dalle ore 10.30) si svolgerà una tavola rotonda, organizzata dall’Osservatorio di Pavia, sul tema “Corecom ed emittenza locale: quali rapporti per quali funzioni. Un’analisi delle nuove prospettive”. Alla tavola rotonda, aperta a funzionari e dirigenti dei Corecom, prenderà parte per AERANTI-CORALLO Marco Rossignoli.

 

 

ASSEMBLEE ASSOCIATIVE

 

■ Il 17 giugno alle ore 11.00 a Roma, presso la sede nazionale Confcommercio, (Roma, p.zza G. Belli 2), si terrà l’assemblea ordinaria dell’AERANTI per l’approvazione del bilancio 2003.
Il 18 giugno p.v. si terrà invece, sempre a Roma, alle ore 11.00 presso Villa Aurelia, in via Leone XIII 459, l’assemblea ordinaria del CORALLO per l’approvazione del bilancio 2003. Ancora il 18 giugno, alle ore 14.00, si terrà l’assemblea ordinaria di AERANTI-CORALLO per l’approvazione del bilancio 2003.
Lunedì 21 giugno, alle ore 13.00 presso la sede nazionale Confcommercio di Roma, si terrà, infine, l’assemblea ordinaria di CERTIL, la Confederazione europea delle radio e tv locali e indipendenti, il cui presidente è Marco Rossignoli. Durante l’assemblea verrà fatto il punto sull’attività di CERTIL in ambito europeo e verranno stilati i programmi di azione per il prossimo anno.

 

 

INSEDIATO IL NUOVO CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI UTENTI

 

■ Si è insediato lo scorso 10 giugno il nuovo Consiglio nazionale degli utenti, organismo costituito presso l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni che ha il compito di esprimere pareri e proposte all’Autorità, al Parlamento, al Governo e a tutti gli organismi pubblici competenti in materia audiovisiva. Riconfermato alla presidenza il prof. Cesare Mirabelli, Presidente emerito della Corte costituzionale. Vicepresidente è stato nominato il prof. Francesco Casetti. Gli altri membri del CNU sono Marina D’Amato, Pier Giorgio Liverani, Flavio Manieri, Isabella Poli, Laura Sturlese, Luca Borgomeo, Gelsomina Maisto, Giovanni Pagano e Paolo Piccari.
Al Presidente e ai nuovi membri del Consiglio Nazionale degli Utenti AERANTI-CORALLO formula gli auguri di buon lavoro.