Rossignoli, AERANTI-CORALLO: le emittenti radiofoniche locali vogliono far parte a pieno titolo di Audiradio

image_print

Cs  23/2007 del 14 giugno 2007

logo2_Aeranti-Corallo

ROSSIGNOLI, AERANTI-CORALLO: LE EMITTENTI RADIOFONICHE LOCALI VOGLIONO FAR PARTE A PIENO TITOLO DI AUDIRADIO.

 

Aeranti-Corallo mercoledì 13 giugno ha annunciato che non parteciperà al convegno annuale di Audiradio in quanto quest’ultima continua a disattendere la delibera n. 85/06/CSP della Agcom in base alla quale Aeranti-Corallo ha chiesto di entrare a far parte della compagine societaria di Audiradio e di avere propri rappresentanti nel relativo Consiglio di Amministrazione.

Al riguardo il Presidente di Audiradio ha replicato che tale critica sarebbe strumentale in quanto la stessa Audiradio avrebbe proposto ad Aeranti-Corallo di entrare a far parte del Comitato Tecnico e tale proposta non sarebbe stata accolta.

Al riguardo l’Avv. Marco Rossignoli, coordinatore Aeranti-Corallo, ha dichiarato:

La delibera di indirizzo in materia adottata dalla Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni prevede che i soggetti realizzatori delle indagini di ascolto debbano assicurare una equa ripartizione del proprio capitale sociale e debbano ispirare alla massima rappresentatività la compagine dei propri organi di gestione.

Non si comprende pertanto – ha aggiunto Rossignoli – perché le emittenti radiofoniche locali debbano far parte esclusivamente del Comitato Tecnico e non della compagine societaria di Audiradio e del relativo Consiglio di Amministrazione.

L’emittenza radiofonica locale – ha affermato Rossignoli – rappresenta una insostituibile realtà di informazione, di intrattenimento e di contatto diretto con il cittadino e come tale costituisce il mezzo di comunicazione più efficace e di immediata fruizione nel nostro Paese.

E’ quindi necessario – ha proseguito Rossignoli – che l’emittenza locale possa far parte a pieno titolo della società che rileva i relativi indici di ascolto.

La soluzione prospettata dal Presidente di Audiradio non è accettabile, in quanto l’emittenza locale intende entrare a fare parte della società e contribuire alla relativa attività entrandovi dalla porta principale e non certo da quella di servizio.

Ritengo – ha concluso Rossignoli – che, di fronte alla evidente situazione di chiusura posta in essere da Audiradio, sia doveroso un intervento immediato della Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni per garantire il rispetto della propria delibera n. 85/06/CSP.

 

ufficiostampa@aeranticorallo.it


340 5735020 KRUGER AGOSTINELLI

 

348 4454981 FABIO CARERA

 

AERANTI-CORALLO
C.P. 360 – 60100 ANCONA