Ripresa della discussione sul ddl 1138: i problemi dell’emittenza locale devono essere all’ordine del giorno

image_pdfimage_print

cs 75/2000

                                     COMUNICATO STAMPA
                     COORDINAMENTO AER – ANTI – CORALLO                  

Roma, 12 settembre 2000

 

Ripresa delle discussione sul Ddl 1138: i problemi dell’emittenza locale devono essere all’ordine del giorno

 

In occasione della ripresa del dibattito al Senato (Comitato ristretto della Commissione Lavori Pubblici e Comunicazione) sul ddl 1138 il Coordinamento Aer-Anti-Corallo (la federazione che rappresenta 1.283 imprese radiotelevisive locali sulle 1.750 operanti) si auspica che le forze politiche non vogliano concentrare le loro attenzioni solo sui problemi legati alla Rai.

Infatti il disegno di legge rappresenta anche un’occasione per varare una riforma che preveda adeguati spazi tecnici e commerciali per l’emittenza locale. “Gli editori locali – ha commentato l’avvocato Marco Rossingnoli, coordinatore Aer-Anti-Corallo – si auspicano che le forze politiche recepiscano le esigenze di un settore che rappresenta una realtà importante per l’informazione locale e che dà occupazione a decine di migliaia di lavoratori”. “In questo contesto – ha continuato Rossignoli – è importante la disapplicazione della procedura per il rilascio delle nuove concessioni televisive, che se applicate porterebbero alla chiusura di molte emittenti locali e alla drastica riduzione della copertura territoriale di molte altre”. Questo non solo causerà un enorme contenzioso tra tutti gli operatori locali, ma comporterà una serie di disagi per gli utenti che dovranno risintonizzare le frequenze e che in molti casi vedranno sparire dal loro schermo delle emittenti che erano abituati a seguire.

Così, mentre la discussione politica è tutta focalizzata sul nuovo ruolo della Rai e sull’ingresso del gruppo Telecom-Seat in Tmc, viene completamente trascurata l’esigenza di riforma dell’emittenza locale.

 

Per informazioni: 071 2074300

 

 

               Il Coordinamento Aer-Anti-Corallo,aderente alla Confcommercio,

              rappresenta 1283 imprese radiofoniche e televisive locali italiane