Rinnovato oggi a roma da aeranti-corallo e c.i.s.a.l. il ccnl per il settore radiotelevisivo. per rossignoli “il contratto si inserisce in un momento in cui molte imprese sono interessate a incrementare il numero dei dipendenti e questo contratto, grazie alla sua flessibilita’, favorisce questa finalita’.”

image_pdfimage_print

Cs 26/2003

 

                                                 COMUNICATO STAMPA

                                                   AERANTI – CORALLO

                                 Le imprese radiotelevisive locali italiane                                


Roma, lì 12/6/2003

 

RINNOVATO OGGI A ROMA DA AERANTI-CORALLO E C.I.S.A.L.
IL CCNL PER IL SETTORE RADIOTELEVISIVO.
PER ROSSIGNOLI “IL CONTRATTO SI INSERISCE IN UN MOMENTO IN CUI MOLTE IMPRESE SONO INTERESSATE A INCREMENTARE IL NUMERO DEI DIPENDENTI E QUESTO CONTRATTO, GRAZIE ALLA SUA FLESSIBILITA’, FAVORISCE QUESTA FINALITA’.”

 

Illustrando le peculiarità del contratto collettivo nazionale di lavoro per l’emittenza locale sottoscritto oggi da AERANTI-CORALLO e C.I.S.A.L., l’avv. Marco Rossignoli, coordinatore di AERANTI-CORALLO (che rappresenta oltre 1.000 imprese radiofoniche e televisive locali), ha dichiarato: “ Il CCNL stipulato in data odierna si inserisce in un momento in cui molte imprese del settore, nel quadro dei propri piani di sviluppo, sono interessate a incrementare il numero dei propri dipendenti. Questo contratto, grazie alla flessibilità nella sua disciplina, favorisce senza dubbio questa finalità. Infatti, la flessibilità è fondamentale per lo sviluppo dell’occupazione da parte delle imprese. “ Rossignoli ha quindi aggiunto: “E’ per tale motivo che AERANTI-CORALLO ritiene fondamentale che nella consultazione referendaria di domenica 15 giugno prevalga l’astensionismo, con conseguente reiezione del quesito referendario che vorrebbe estendere l’applicazione dell’art. 18 dello Statuto dei lavoratori anche alle imprese con meno di 15 dipendenti.”

Entrando nel dettaglio del contratto di lavoro, Rossignoli ha spiegato che lo stesso prevede una classificazione dei lavoratori in 5 livelli, oltre i quadri. L’orario di lavoro effettivo è fissato in 40 ore settimanali distribuito su 5 o 6 giornate dal lunedì alla domenica. Viene confermata la possibilità di svolgere apprendistato per le aziende del settore, elemento molto importante introdotto per la prima volta con il CCNL del 1999 che oggi è stato rinnovato.

La gestione applicativa del CCNL è devoluta a una commissione paritetica nazionale di 6 membri (3 nominati da AERANTI-CORALLO e 3 nominati dalla C.I.S.A.L.). I nuovi livelli retributivi entreranno in vigore dall’1/7/2003.

A tutti i lavoratori in forza alla data di stipula del CCNL che abbiano un’anzianità effettiva in servizio dal 31/12/1999 verrà inoltre erogata una “una tantum” in tre tranches, e precisamente al 30 giugno 2003, al 30 settembre 2003 e al 31 dicembre 2003.

Per informazioni: 348 4454981

 

Il testo integrale del contratto di lavoro è disponibile sul sito www.aeranticorallo.it, sezione “contratti di lavoro”


 

                                                         AERANTI-CORALLO,

                                               aderente alla Confcommercio,

             rappresenta 1.040 imprese radiofoniche e televisive locali italiane