Rimborsi MAG per elezioni e referendum 2021 a radio e tv locali: pubblicato il decreto di riparto

image_print

(19 maggio 2021)   Il Ministro dello Sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze, con decreto interministeriale del 2 aprile 2021, pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 113 del 13 maggio u.s., ha definito il riparto regionale delle somme destinate al rimborso in favore delle emittenti radiofoniche e televisive locali per la trasmissione, a titolo gratuito, di messaggi autogestiti (MAG) in campagne elettorali e per la comunicazione politica, come previsto dalla legge 28/2000.

Lo stanziamento complessivo per l’anno 2021 relativo ai MAG è pari a euro 1.431.793,00, di cui euro 954.529,00 sono destinati alle tv locali e euro 477.264,00 sono destinati alle radio locali.

Alle emittenti radiofoniche e televisive che accettano di trasmettere messaggi autogestiti a titolo gratuito nelle campagne elettorali o referendarie (MAG) è riconosciuto, per l’anno 2021, il rimborso rispettivamente di euro 29,65 e di euro 10,95 per ciascun messaggio, indipendentemente dalla sua durata.

A questo link è pubblicato il decreto contenente la ripartizione regionale dei rimborsi MAG. (LB)

 

Vedi anche:

Par condicio: dalla mezzanotte di oggi, 4/9, stop a pubblicazione e diffusione di sondaggi politici ed elettorali

Election day 20-21 settembre. In arrivo le disposizioni Agcom sulla par condicio

Emergenza coronavirus. Slittano consultazioni elettorali e referendum

Revocato il referendum del 29 marzo 2020: cessano di applicarsi le relative norme in materia di par condicio

Referendum costituzionale del 29 marzo, l’Agcom pubblica l’elenco dei soggetti politici referendari

L’Agcom ha iniziato la pubblicazione dell’elenco delle emittenti che trasmetteranno i MAG per il prossimo referendum del 29 marzo 2020

Par condicio: l’Agcom ordina a tutte le emittenti di assicurare spazio adeguato al referendum del 29 marzo p.v.

Par condicio referendum del 29 marzo: l’Agcom approva la delibera

Referendum popolare confermativo del 29 marzo 2020: l’Agcom emana atto di indirizzo per il rispetto della par condicio