Resi noti gli ultimi dati dell’audience radiofonica in Francia

 

(16 ottobre 2023)  In un panorama audio in evoluzione, segnato dall’avvento della tecnologia digitale e dalla trasformazione delle abitudini del pubblico, gli ultimi dati dell’audience radiofonica in Francia ci dicono che anche il mezzo radiofonico sta cambiando la sua offerta.

In Francia questa evoluzione è monitorata da Médiamétrie, società che cura la misurazione dell’audience radiofonica in Francia ha reso noti i risultati della ricerca “Radio&Total Audio” relativamente al periodo 2022/23.  Giovedì 12 ottobre la società ha rilasciato gli ultimi dati della ricerca che prende in considerazione la radio nel contesto dell’universo del mercato sonoro transalpino.

Emmanuelle Le Goff, direttrice della ricerca “Radio&Total Audio”, ha dichiarato: “Media essenziale, ascoltato ogni giorno da più di 7 francesi su 10, la radio dimostra anche quest’anno la sua capacità di adattarsi alle nuove modalità di fruizione del mezzo, diversificando i formati, i contenuti e le modalità di accesso”.

In questo contesto, la radio risulta essere ascoltata da quasi 40 milioni di ascoltatori ogni giorno ed è vista come l’offerta numero uno in un ecosistema sonoro sempre più ampio.

La radio, un mezzo potente per tutti i pubblici

Nella stagione 2022-2023, gli ascoltatori in media hanno ascoltato la radio 2 ore e 36 minuti al giorno. E ogni mattina alle 8 erano mediamente presenti più di 12 milioni di francesi, nel momento di maggior ascolto quotidiano del mezzo. Gli show mattutini hanno rappresentato il momento privilegiato per informazione e intrattenimento; quasi la metà dei francesi (44%) ha ascoltato la radio ogni giorno, tra le 6 e le 9.

La radio ha dimostrato di piacere a tutte le generazioni. Particolarmente apprezzata dai 35-59 anni, già che l’80% di questo target ‘ascolta tutti i giorni e interessandosi a tutti i tipi di formato (musicale, generalista, tematico e locale). Ma la radio francese parla anche ai senior (74%) e ai giovani sotto i 35 anni; la ascoltano tutti i giorni il 53% dei 13-24enni e il 62% dei 25-34enni. Inoltre, i target influenti amano particolarmente la radio: l’86% dei dirigenti la ascolta quotidianamente

Vera e propria “compagna mediatica”, la radio segue il pubblico durante la giornata e i viaggi. Più della metà del volume di ascolto del mezzo avviene fuori casa (52%), soprattutto in auto (35%).

L’ascolto della radio varia a seconda della zona di residenza. Gli abitanti dell’Ile-de-France, ad esempio, hanno un’esperienza di ascolto piuttosto sedentaria, con il 61% del volume di ascolto effettuato a casa.

Cresce anche il pubblico della radio digitale: oggi, 9,3 milioni di francesi ascoltano ogni giorno la radio sui media digitali (ovvero il 40% in più rispetto a 5 anni fa); il primo device è mobile (5,6 milioni di ascoltatori giornalieri).

La radio conferma la sua leadership anche in un universo audio sempre più ricco. Che sia dal vivo o tramite il podcasting frutto di catch-up radio, nel 2023 la radio ha rappresentato il 58% del volume di ascolto delle offerte audio disponibili.

 

Vedi anche:

Trend dell’ascolto radiofonico in Europa secondo EBU

I nuovi media crescono, ma radio e tv lineari sono ancora leader. I risultati di una ricerca in Belgio

Il ruolo della radio nelle nuove autovetture