Prominence dei servizi di media audiovisivi e radiofonici di interesse generale e accessibilità Lcn: l’Agcom dispone la proroga di 60 giorni del procedimento

(14 dicembre 2023)   L’Agcom, con la propria delibera n. 149/22/CONS del 19 maggio 2022, aveva avviato il procedimento per l’adozione di linee guida e di prescrizioni regolamentari volte a garantire la prominence dei servizi di media audiovisivi e radiofonici di interesse generale e l’accessibilità del sistema di numerazione automatica dei canali della televisione digitale terrestre di cui all’articolo 29, commi 1, 2 e 7, del Tusma.

Con la successiva delibera n. 14/23/CONS del 25 gennaio 2023, la stessa Agcom aveva posto a consultazione pubblica due documenti, e precisamente, uno Schema di regolamento in materia di accessibilità del sistema di numerazione automatica dei canali della televisione digitale terrestre, e le “Linee guida in materia di prominence dei servizi di media audiovisivi e radiofonici di interesse generale”. A tale consultazione Aeranti-Corallo è intervenuta formulando le proprie osservazioni e proposte al riguardo

Il Regolamento che disciplina le modalità di installazione e le condizioni di accessibilità del sistema di numerazione automatica dei canali della televisione digitale terrestre (LCN) – primo dei due documenti posti a consultazione – è stato emanato nei giorni scorsi (con la delibera n. 294/23/CONS, pubblicata in data 6 dicembre 2023).

Le sopracitate Linee guida, – secondo dei due documenti posti a consultazione – che dovranno dapprima definire il paniere di servizi di media audiovisivi e radiofonici di interesse generale cui deve essere fornito adeguato rilievo e, successivamente,  individuare i dispositivi e le interfacce utente interessate dalle misure di prominence, nonché i destinatari delle previsioni e le relative modalità di implementazione, – saranno, invece, oggetto di una specifica, successiva delibera.

A tale riguardo, l’Agcom, con la propria delibera n. 312/23/CONS del 5 dicembre 2023, ha disposto la proroga di 60 giorni del termine di conclusione del procedimento avviato con la sopracitata delibera n. 149/22/CONS.

In particolare, l’Agcom, scrive, nelle motivazioni, che, in considerazione degli esiti della procedura di notifica del provvedimento alla Commissione europea come regola tecnica ai sensi della direttiva 2015/1535/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 9 settembre 2015, ha ritenuto di prorogare di ulteriori sessanta giorni il termine di conclusione del procedimento di cui alla delibera n. 149/23/CONS.

A questo link il testo della delibera n. 312/23/CONS (FC)

 

Vedi anche:

Evento “Il futuro della televisione nella transizione digitale”. Rossignoli: “Occorre fissare la data per il passaggio definitivo al DVB-T2 e garantire una prominence adeguata all’emittenza televisiva locale”

Audizione Aeranti-Corallo davanti all’AGCOM sul tema della Prominence sui dispositivi che consentono la ricezione TV e radio