Par condicio: l’Agcom ordina a tutte le emittenti di assicurare spazio adeguato al referendum del 29 marzo p.v.

image_pdfimage_print

(14 febbraio 2020)   Il Consiglio dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, riunitosi il 13 febbraio 2020 a Roma, constatata l’assoluta inadeguatezza dello spazio assicurato sinora dalle emittenti radio-televisive alla trattazione dell’argomento relativo al “referendum popolare confermativo del testo della legge costituzionale in materia di riduzione del numero dei parlamentari”, fissato per il 29 marzo 2020, ha deciso, anche a valle dell’atto di indirizzo adottato nella riunione del 27 gennaio scorso, di rivolgere un ordine a tutti i fornitori di servizi di media audiovisivi e radiofonici affinché trattino la tematica referendaria in maniera adeguata, al fine di garantire a tutti i cittadini un’informazione completa e obiettiva.
Lo precisa un comunicato dell’Agcom. (FB)

Vedi anche:

Par condicio referendum del 29 marzo: l’Agcom approva la delibera

Referendum popolare confermativo del 29 marzo 2020: l’Agcom emana atto di indirizzo per il rispetto della par condicio