L’Autorita’ per le Garanzie nelle comunicazioni accoglie la richiesta di intervento urgente formulata da AERANTI-CORALLO relativamente all’indagine Audiradio

image_pdfimage_print

Cs  07/2009 del 18 maggio 2009

logo2_Aeranti-Corallo

 

L’AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI ACCOGLIE LA  RICHIESTA DI INTERVENTO URGENTE FORMULATA DA AERANTI-CORALLO RELATIVAMENTE  ALL’INDAGINE AUDIRADIO


■ Come noto, la società Audiradio, a decorrere dall’anno 2009, ha deciso tra l’altro di prevedere una soglia di significatività per la pubblicazione dei propri dati, stabilendo che tale pubblicazione avvenga esclusivamente con riferimento alle emittenti radiofoniche che raggiungano la soglia di almeno 30 casi nel giorno medio; in precedenza, tale soglia era di almeno 24 casi.

In considerazione che tale scelta metodologica comporta una sensibile riduzione del numero di imprese radiofoniche locali con dato pubblicato, AERANTI-CORALLO formulava istanza in via d’urgenza alla Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, chiedendo di ordinare all’Audiradio srl, tra l’altro, il ripristino immediato della soglia di almeno 24 casi nel giorno medio ai fini della pubblicazione dei dati nell’indagine 2009.

Nel corso del procedimento, AERANTI-CORALLO lamentava anche l’assenza dell’emittenza radiofonica locale dalla governance di Audiradio, peraltro in difformità dalle previsioni di cui all’art. 2 della delibera 85/06/CSP dell’Autorità.

Con delibera 75/09/CSP, recante “Misure e raccomandazioni nei confronti della società Audiradio in materia di rilevazione degli indici di ascolto radiofonici”, pubblicata in data odierna, l’Autorità ha accolto le richieste di Aeranti-Corallo e ha disposto, tra l’altro, il mantenimento della soglia di pubblicazione dei 24 casi riferita al periodo semestrale e annuale, nonché, in tema di governance, ha disposto un progressivo ribilanciamento delle partecipazioni attualmente detenute nella società Audiradio dai singoli soggetti e un allargamento del capitale sociale alle componenti del settore della radiofonia non rappresentate.

L’Autorità ha inoltre disposto la realizzazione di un sistema di controllo della qualità dell’indagine che raccolga in maniera strutturata gli elementi e gli indicatori atti a comprovare la qualità stessa e preveda specifici criteri fondati su metodi statistici che individuino le possibili incongruenze dei dati rilevati.

L’avv. Marco Rossignoli, coordinatore AERANTI-CORALLO, ha espresso soddisfazione per la decisione dell’Autorità, che ripristina, quantomeno con riferimento al periodo semestrale e annuale, la soglia dei 24 casi nel giorno medio, che sussisteva da numerosissimi  anni. Rossignoli ha espresso inoltre soddisfazione per la decisione dell’Agcom in materia di governance di Audiradio, in quanto con la stessa vengono accolte le richieste da lungo tempo formulate da AERANTI-CORALLO.

.

 

PER INFORMAZIONI:
348 4454981 FABIO CARERA

AERANTI-CORALLO C.P. 360 – 60100 ANCONA