Il MiSe definisce il calendario di dettaglio del refarming tv per l’A.T. n. 07 – Liguria

image_print

(27 aprile 2022)  Nella mattinata di oggi si è svolta una riunione in videoconferenza, convocata dalla Dgtcsi-Iscti del Ministero dello Sviluppo Economico, con le emittenti televisive (locali e nazionali), alla quale ha partecipato anche Aeranti-Corallo, finalizzata all’illustrazione del calendario di dettaglio (nell’ambito della finestra temporale dal 1° maggio 2022 al 30 giugno 2022, definita dal DM 19 giugno 2019, come modificato dal DM 30 luglio 2021), nonché delle procedure per lo spegnimento degli impianti nell’Area tecnica n. 07 (Liguria), facente parte della Area geografica n. 1B.

Tale calendario di dettaglio è il seguente:

Per l’attuazione degli spegnimenti degli impianti, verrà utilizzata la procedura online già adottata nelle diverse Aree tecniche dove il refarming delle frequenze è avvenuto, attraverso il c.d. “cruscotto”, cui potranno accedere gli operatori di rete interessati dalle procedure, che consentirà la comunicazione in tempo reale dei diversi spegnimenti attuati. (LB)

 

Definito dal Ministero il calendario di dettaglio del refarming tv per l’A.T. n. 17 – Sicilia

Definito dal MiSe il calendario di dettaglio del refarming tv delle A.T. 15 – Puglia e Basilicata e 16 – Calabria

Definito dal MiSe il calendario di dettaglio del refarming tv delle A.T. 11 – Marche e 13 – Abruzzo e Molise

Definito dal MiSe il calendario di dettaglio del refarming tv delle otto aree tecniche del Nord Italia, dal 3 gennaio al 15 marzo 2022

Il 6 dicembre riunione con la Dgtcsi del MiSe per la definizione del calendario di dettaglio degli spegnimenti tv nel Nord Italia

Completate dalla Dgscerp del MiSe le sedute pubbliche nelle aree tecniche del Nord Italia per la definizione dei soggetti che potranno negoziare capacità trasmissiva con gli operatori di rete

Il MiSe definisce il calendario di dettaglio del refarming tv in Sardegna

Liberazione banda 700: aggiornata la roadmap

Nuova roadmap per la transizione al digitale televisivo terrestre di seconda generazione: la posizione di Aeranti-Corallo