Deliberazione 20 gennaio 2011 dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni “Mercato dei servizi di diffusione radiotelevisiva per la trasmissione di contenuti agli utenti finali (mercato n.18 fra quelli identificati dalla raccomandazione sui mercati rilevanti dei prodotti e dei servizi della Commissione europea) (Deliberazione n.24/11/CONS)”

image_pdfimage_print
AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

 

DELIBERAZIONE 20 gennaio 2011

Mercato dei servizi di diffusione radiotelevisiva per la trasmissione di contenuti agli utenti finali (mercato n.18 fra quelli identificati dalla raccomandazione sui mercati rilevanti dei prodotti e dei servizi della Commissione europea) (Deliberazione n. 24/11/CONS).

 

(pubblicata nel Supplemento Ordinario n.45 alla Gazzetta Ufficiale n.41 del 19 febbraio 2011)

L’AUTORITA’

NELLA sua riunione del Consiglio del 20 gennaio 2011;

VISTA la legge 31 luglio 1997, n. 249, recante “Istituzione dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e norme sui sistemi delle telecomunicazioni e radiotelevisivo”, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 31 luglio 1997, n.177 – supplemento ordinario n. 154;

VISTE le direttive n. 2002/19/CE (“direttiva accesso”), 2002/20/CE (“direttiva autorizzazioni”), 2002/21/CE (“direttiva quadro”), 2002/22/CE (“direttiva servizio universale”), pubblicate nella Gazzetta Ufficiale delle Comunità europee del 24 aprile 2002, L.108;

VISTE le Linee direttrici della Commissione per l’analisi del mercato e la valutazione del significativo potere di mercato ai sensi del nuovo quadro normativo comunitario per le reti e i servizi di comunicazione elettronica, pubblicate nella Gazzetta Ufficiale delle Comunità europee C 165 dell’11 luglio 2002 (le “Linee Direttici”);

VISTA la Raccomandazione della Commissione dell’11 febbraio 2003 relativa ai mercati rilevanti di prodotti e servizi del settore delle comunicazioni elettroniche suscettibili di una regolamentazione ex ante ai sensi della direttiva 2002/21/CE del Parlamento europeo e del Consiglio che istituisce un quadro normativo comune per le reti ed i servizi di comunicazione elettronica, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale delle Comunità europee L 114 dell’8 maggio 2003 (la “precedente Raccomandazione”);

VISTA la Raccomandazione della Commissione del 17 dicembre 2007 relativa ai mercati rilevanti di prodotti e servizi del settore delle comunicazioni elettroniche che possono essere oggetto di una regolamentazione ex ante ai sensi della direttiva 2002/21/CE del Parlamento europeo e del Consiglio che istituisce un quadro normativo comune per le reti ed i servizi di comunicazione elettronica, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea L 344/65 del 28 dicembre 2007 (la “Raccomandazione”);

VISTA la Raccomandazione della Commissione del 15 ottobre 2008, relativa alle notificazioni, ai termini e alle consultazioni di cui all’articolo 7 della direttiva 2002/21/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, che istituisce un quadro normativo comune per le reti e i servizi di comunicazione elettronica, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea L 301 del 12 novembre 2008;

VISTO il decreto legislativo 1° agosto 2003, n. 259, recante “Codice delle comunicazioni elettroniche” pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 15 settembre 2003, n. 215 (il “Codice”);

VISTO il decreto legislativo 31 luglio 2005, n. 177, recante “Testo unico della radiotelevisione”, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 7 settembre 2005, n. 208 – Supplemento Ordinario n. 150, così come modificato dal decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 44, recante “Attuazione della direttiva 2007/65/CE relativa al coordinamento di determinate disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli Stati membri concernenti l’esercizio delle attività televisive”, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 29 marzo 2010, n. 73;

VISTA la legge 6 giugno 2008, n. 101, recante “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 8 aprile 2008, n. 59, recante disposizioni urgenti per l’attuazione di obblighi comunitari e l’esecuzione di sentenze della Corte di giustizia delle Comunità europee”, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 7 giugno 2008, n. 132;

VISTA la legge 7 luglio 2009, n. 88, recante “Disposizioni per l’adempimento di obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia alle Comunità europee – Legge comunitaria 2008. (09G0100)”, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 14 luglio 2009, n. 161, in particolare l’art. 45;

VISTA la delibera n. 181/09/CONS del 7 aprile 2009, recante “Criteri per la completa digitalizzazione delle reti televisive terrestri”, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 30 aprile 2009, n. 99;

VISTA la delibera n. 300/10/CONS del 15 giugno 2010, recante “Piano nazionale di assegnazione delle frequenze per il servizio di radiodiffusione televisiva terrestre in tecnica digitale: criteri generali”, disponibile sul sito web dell’Autorità;

VISTA la delibera n. 497/10/CONS, recante “Procedure per l’assegnazione delle frequenze disponibili in banda televisiva per sistemi di radiodiffusione digitale terrestre e misure atte a garantire condizioni di effettiva concorrenza”, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 6 dicembre 2010, n. 285;

VISTA la delibera n. 217/01/CONS del 24 maggio 2001 recante “Regolamento concernente l’accesso ai documenti”, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 20 giugno 2001, n. 141 e successive modificazioni e integrazioni;

VISTA la delibera n. 453/03/CONS del 23 dicembre 2003, recante “Regolamento concernente la procedura di consultazione di cui all’articolo 11 del decreto legislativo 1° agosto 2003, n. 259”, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 28 gennaio 2004, n. 22;

VISTO il Regolamento concernente l’organizzazione ed il funzionamento dell’Autorità, adottato con la delibera n. 316/02/CONS del 9 ottobre   2002 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 259 del 5 novembre 2002), nel testo coordinato con le modifiche introdotte da ultimo dalla delibera n. 56/08/CONS del 23 gennaio 2008 recante “Modifiche e integrazioni al regolamento concernente l’organizzazione e il funzionamento dell’Autorità”, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 95 del 22 aprile 2008 e successive modificazioni e integrazioni;

VISTO l’accordo di collaborazione tra l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e l’Autorità garante della concorrenza e del mercato in materia di comunicazioni elettroniche del 27 gennaio 2004;

VISTA la delibera n. 118/04/CONS del 5 maggio 2004, recante “Disciplina dei procedimenti istruttori di cui al nuovo quadro regolamentare delle comunicazioni elettroniche”, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 19 maggio 2004, n. 116 e successive modificazioni e integrazioni;

VISTA la delibera n. 544/07/CONS, recante “Mercato dei servizi di diffusione radiotelevisiva per la trasmissione di contenuti agli utenti finali (mercato n. 18 fra quelli identificati dalla raccomandazione sui mercati rilevanti della Commissione europea n. 2003/311/CE): identificazione ed analisi del mercato, valutazione di sussistenza di imprese con significativo potere di mercato”, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 23 novembre 2007, n. 273 – Suppl. Ordinario n. 242;

VISTA la delibera n. 159/08/CONS recante “Mercato dei servizi di diffusione radiotelevisiva per la trasmissione di contenuti agli utenti finali (mercato n. 18 della raccomandazione della Commissione europea n. 2003/311/CE): individuazione degli obblighi regolamentari”, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 3 maggio 2008, n.103 – Suppl. Ordinario n. 112;

VISTA la delibera n. 63/09/CONS del 13 febbraio 2009 recante “Avvio del procedimento “Mercato dei servizi di diffusione radiotelevisiva per la trasmissione di contenuti agli utenti finali” (mercato n. 18 della raccomandazione della Commissione europea n. 2003/311/CE): identificazione ed analisi dei mercati, valutazione di sussistenza del significativo potere di mercato per le imprese ivi operanti e individuazione degli eventuali obblighi regolamentari cui vanno soggette le imprese che dispongono di un tale potere, ai sensi degli art. 18 e 19 del codice delle comunicazioni elettroniche”, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 17 marzo 2009, n. 63;

VISTA la delibera n. 395/10/CONS del 22 luglio 2010 recante “Consultazione pubblica sullo schema di provvedimento concernente l’identificazione e l’analisi del mercato dei servizi di diffusione radiotelevisiva per la trasmissione di contenuti agli utenti finali (mercato n. 18 fra quelli identificati dalla Raccomandazione sui mercati rilevanti dei prodotti e dei servizi della Commissione europea), pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 19 agosto 2010, n. 193, Suppl. Ordinario n. 198;

VISTA la delibera n. 396/10/CONS del 22 luglio 2010 recante “Proroga dei termini del procedimento per l’identificazione ed analisi del mercato dei servizi di diffusione radiotelevisiva per la trasmissione di contenuti agli utenti finali”, il cui avviso è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 9 agosto 2010, n. 184;

VISTA la delibera n. 604/10/CONS del 25 novembre 2010 recante “Proroga dei termini del procedimento per l’identificazione ed analisi del mercato dei servizi di diffusione radiotelevisiva per la trasmissione di contenuti agli utenti finali”, il cui avviso è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 9 dicembre 2010, n. 287;

VISTE le istanze di audizione pervenute da parte delle società Telecom Italia S.p.A. e Telecom Italia Media S.p.A.;

SENTITE, in data 18 ottobre 2010, le società Telecom Italia S.p.A. e Telecom Italia Media S.p.A.;

VISTI i contributi prodotti dalle società Telecom Italia S.p.A., Telecom Italia Media S.p.A., SKY Italia S.r.l., Mediaset, S.p.A., Wind Telecomunicazioni S.p.A.;

VISTA la comunicazione pervenuta da parte della società RAI-Radiotelevisione italiana S.p.A.;

CONSIDERATA la seguente analisi di mercato:

 

 allegato parte di provvedimento in formato grafico

 

DELIBERA

Art. 1

IDENTIFICAZIONE DEL MERCATO RILEVANTE

1. L’Autorità, all’interno del mercato dei servizi di diffusione radiotelevisiva per la trasmissione di contenuti agli utenti finali, individua i seguenti mercati rilevanti:

a) Mercato nazionale dei servizi di diffusione televisiva su reti terrestri;

b) Mercato nazionale dei servizi di diffusione televisiva su rete terrestre in tecnica DVB-H;

c) Mercato nazionale dei servizi di diffusione radiofonica su rete terrestre;

d) Mercato nazionale dei servizi di diffusione radiotelevisiva via reti di telecomunicazioni fisse;

e) Mercato transnazionale dei servizi di diffusione radiotelevisiva via satellite;

f) Mercato locale dei servizi di diffusione televisiva su reti terrestri;

g) Mercato locale dei servizi di diffusione radiofonica su rete terrestre.

Art. 2

SUSCETTIBILITÀ DEL MERCATO ALLA REGOLAMENTAZIONE

EX ANTE

1. I mercati di cui all’art. 2, nei quali è articolato il mercato dei servizi di diffusione radiotelevisiva per la trasmissione di contenuti agli utenti finali, non sono suscettibili di regolamentazione ex-ante, non risultando soddisfatti i tre criteri di cui al punto 2 della Raccomandazione della Commissione europea 2007/879/CE.

Art. 3

PROROGA DEGLI OBBLIGHI

1. Sono prorogati, fino al 31 dicembre 2012, o comunque sino al completamento dello switch-off, gli obblighi in capo a RAI ed RTI di cui alla delibera n. 159/08/CONS.

La presente delibera è trasmessa alla Commissione europea ed alle Autorità di regolamentazione degli Stati membri dell’Unione europea.

Avverso il presente provvedimento può essere presentato ricorso al Tribunale amministrativo regionale del Lazio, entro sessanta giorni dalla data di comunicazione del provvedimento stesso (articoli 135, comma 1, lettera b), e 119, comma 2, del codice del processo amministrativo), ovvero può essere proposto ricorso straordinario al Presidente della Repubblica, ai sensi dell’articolo 8, comma 2, del decreto del Presidente della Repubblica 24 novembre 1971, n. 1199, entro il termine di centoventi giorni dalla data di comunicazione del provvedimento stesso.

La presente delibera è pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana, nel Bollettino Ufficiale e sul sito web dell’Autorità.

Napoli, 20 gennaio 2011

IL PRESIDENTE

Corrado Calabrò

IL COMMISSARIO RELATORE

Gianluigi Magri

IL COMMISSARIO RELATORE

Stefano Mannoni

Per attestazione di conformità a quanto deliberato

IL SEGRETARIO GENERALE

Roberto Viola

Sebastiano Sortino