Decreto 3 aprile 2002 del Ministero delle Comunicazioni “Ripartizione dei contributi alle emittenti locali, ai sensi dell’art.4, comma 5, della legge 22 febbraio 2000, n. 28”.

image_pdfimage_print

MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI

DECRETO 3 APRILE 2002

Ripartizione dei contributi alle emittenti locali, ai sensi dell’art. 4, comma 5, della legge 22 febbraio 2000, n.28

(pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 105 del 7 maggio 2002)

 

IL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI
DI CONCERTO CON
IL MINISTRO DELL’ECONOMIA
E DELLE FINANZE

Vista la legge 6 agosto 1990, n.223;

vista la legge 31 luglio 1997, n.249;

vista la legge 28 febbraio 2000, n. 28;

visto il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, recante “Riforma dell’organizzazione  del Governo, a norma dell’art. 11 della legge 15 marzo 1997, n. 59”;

visto il decreto-legge 12 giugno 2001, n. 217, recante “Modificazioni al decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, nonché alla legge   23 agosto 1988, n. 400, in materia di organizzazione  del Governo”, convertito con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2001, n. 317;

ritenuto di dover provvedere, ai sensi dell’art.4, comma 5, della legge 22 febbraio 2000, n. 28, alla determinazione  per l’anno  2002 della misura del rimborso per ciascun messaggio  autogestito a titolo gratuito  per le emittenti radiofoniche e televisive locali, nonché alla ripartizione, tra le   regioni e le province  autonome di Trento e Bolzano, della somma   stanziata per l’anno 2002 ai fini del rimborso  alle emittenti   radiofoniche e televisive  locali che accettano di trasmettere messaggi autogestiti a titolo gratuito in campagna elettorale;

DECRETA:

ART. 1.

1. Il rimborso per ciascun messaggio autogestito  per l’anno 2002 è determinato  per le emittenti radiofoniche in Euro 7,00 e per le emittenti  televisive in Euro 22,00, indipendentemente  dalla durata del messaggio.

2. Della somma di Euro 10.329.137,98 stanziata per l’anno 2002 ai fini del rimborso  alle emittenti radiofoniche  e televisive locali che accettano di trasmettere  messaggi autogestiti a titolo gratuito nelle campagne elettorali o referendarie, Euro 3.615.198,29 sono riservati  alle emittenti radiofoniche locali e Euro 6.713.939,69 alle emittenti televisive locali.

3. Tenuto conto del numero dei cittadini  iscritti nelle rispettive  liste elettorali alle regioni e alle province  autonome di Trento e Bolzano sono attribuite  le seguenti somme:

REGIONE

                     QUOTA RADIO
                          (EURO)
                          QUOTA TV
                            (EURO)
                             TOTALE
       ABRUZZO                        85.502,77                     158.790,86                          244.293,63
       BASILICATA                        39.160,03                       72.725,76                          111.885,79
       BOLZANO PROV. AUT.                        27.767,30                       51.567,83                            79.335,13
       CALABRIA                      130.029,74                     241.483,81                          371.513,55
       CAMPANIA                      350.273,49                     650.507,92                       1.000.781,41
       EMILIA-ROMAGNA                      251.021,03                     466.181,91                          717.202,94
       FRIULI-VENEZIA GIULIA                        79.402,44                     147.461,67                          226.864,10
       LAZIO                      329.797,40                     612.480,89                          942.278,29
       LIGURIA                      104.242,36                     193.592,96                          297.835,32
       LOMBARDIA                      556.494,05                  1.033.488,95                       1.589.982,99
       MARCHE                        92.429,86                     171.655,46                          264.085,32
       MOLISE                        23.313,43                       43.296,37                            66.609,79
       PIEMONTE                      268.028,13                    497.766,52                          765.794,64
       PUGLIA                      253.926,02                    471.576,89                          725.502,91
       SARDEGNA                      104.978,22                    194.959,55                          299.937,77
       SICILIA                      326.534,77                    606.421,72                          932.956,49
      TOSCANA                      221.464,92                    411.292,00                          632.756,92
      TRENTO PROV. AUT.                        29.217,79                      54.261,61                            83.479,40
      UMBRIA                        52.218,91                      96.977,98                          149.196,90
      VALLE D’AOSTA                          7.503,60                      13.935,25                            21.438,85
      VENETO                     281.892,04                    523.513,80                          805.405,84
       TOTALE
                 3.615.198,29                 6.713.939,69                    10.329.137,98

 

Il presente decreto verrà inviato alla Corte dei conti per la registrazione e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Roma, lì 3 aprile 2002

Il Ministro dell’economia e delle finanze Tremonti
Il Ministro delle Comunicazioni Gasparri