Conclusa a roma l’assemblea di certil, confederazione europea delle radio e tv indipendenti e locali. annunciato un libro bianco sulla situazione dell’emittenza radiotelevisiva in europa e una tavola rotonda su “rapporto tra emittenza pubblica e privata, nazionale e locale

image_pdfimage_print

cs 21/2002

COMUNICATO STAMPA
AERANTI – CORALLO

                 Le imprese radiotelevisive locali italiane              


Roma, lì 4/3/2002

 

CONCLUSA A ROMA L’ASSEMBLEA DI CERTIL, CONFEDERAZIONE EUROPEA DELLE RADIO E TV INDIPENDENTI E LOCALI. ANNUNCIATO UN LIBRO BIANCO SULLA SITUAZIONE DELL’EMITTENZA RADIOTELEVISIVA IN EUROPA E UNA TAVOLA ROTONDA SU “RAPPORTO TRA EMITTENZA PUBBLICA E PRIVATA, NAZIONALE E LOCALE”

Si sono conclusi domenica 3 marzo a Roma i lavori dell’Assemblea di CERTIL, (Confédération Européenne des Radios et Télévisions Indépendantes et Locales) di cui è Presidente l’avv. Marco Rossignoli, coordinatore di AERANTI-CORALLO (la federazione italiana co-fondatrice di CERTIL, aderente alla Confcommercio che rappresenta 1.141 imprese radiotelevisive locali sulle circa 1.700 operanti).

Nel corso dei lavori è stata deliberata la stesura di un libro bianco che riassuma la situazione nazionale dell’emittenza radiotelevisiva dei diversi Paesi aderenti a CERTIL e le problematiche di maggior rilievo di cui la Federazione si sta occupando.

E’ stata inoltre fissata la data dell’Assemblea generale di CERTIL, che si svolgerà in Svizzera, a Vevey, dal 12 al 15 giugno prossimi, in occasione della manifestazione Mitil. In quell’occasione CERTIL promuoverà una tavola rotonda sul tema: “Rapporto tra emittenza pubblica e privata, nazionale e locale.”

A margine dei lavori, l’avv. Marco Rossignoli ha commentato: “La stesura di un libro bianco sulle singole realtà dell’emittenza radiotelevisiva nei Paesi aderenti a CERTIL offrirà lo spunto per meglio comprendere i punti in comune tra le diverse realtà europee.”

Per informazioni: 348 4454981

 

 

                                                      AERANTI-CORALLO,
                                             aderente alla Confcommercio,
            rappresenta 1.141 imprese radiofoniche e televisive locali italiane