Aeranti corallo: valutazione positiva della relazione annuale dell’autorita’ per le garanzie nelle comunicazioni

image_pdfimage_print

Cs 33/2003

                                       COMUNICATO STAMPA

                                         AERANTI – CORALLO

                         Le imprese radiotelevisive locali italiane                       


Roma, lì 10/7/2003

 

AERANTI CORALLO: VALUTAZIONE POSITIVA DELLA RELAZIONE ANNUALE DELL’AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

 

Con riferimento alla Relazione annuale dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, presentata questa mattina nella Sala della Lupa di Palazzo Montecitorio alla presenza del Presidente della Repubblica e di numerose autorità istituzionali, l’avv. Marco Rossignoli, coordinatore AERANTI-CORALLO, che rappresenta oltre 1.000 imprese radiofoniche e televisive locali, ha dichiarato: “Esprimiamo un giudizio positivo sulla relazione annuale dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni presentata dal Presidente Cheli. In particolare, riteniamo molto importante che l’Autorità abbia evidenziato che sul piano del pluralismo informativo la situazione sia rimasta nel corso dell’ultimo quinquennio sostanzialmente immutata e che, quindi, anche comparativamente al restante quadro europeo, insoddisfacente. Infatti, il sistema duopolistico continua a dominare il mercato radiotelevisivo.” Rossignoli ha auspicato che, anche a seguito del recente provvedimento dell’Autorità di richiamo formale nei confronti di Rai e di Mediaset, l’impianto duopolista del nostro sistema possa modificarsi, permettendo così alle imprese radiotelevisive locali di poter effettivamente competere nel mercato.

Rossignoli ha quindi concluso affermando che il passaggio al digitale potrebbe rappresentare una grossa opportunità se l’emittenza radiotelevisiva locale saprà cogliere le opportunità imprenditoriali che offre la nuova tecnologia.

 

Per informazioni: 348 4454981

 

 

                                                   AERANTI-CORALLO,

                                           aderente alla Confcommercio,

         rappresenta 1.040 imprese radiofoniche e televisive locali italiane