14 dicembre 1998 Ordinanza del Tribunale di Padova

image_pdfimage_print

14 DICEMBRE 1998

ORDINANZA DEL TRIBUNALE DI PADOVA

Rilevato: che la Conti editore s.p.a. (da qui in poi ricorrente) lamenta di avere avuto notizia che la Trade Italia di Bettella G. & C. s.a.s. (da qui in poi resistente) ha proceduto alla registrazione ed alla immissione nella rete telematica Internet di un sito il cui indirizzo è “www.motosprint.it” e “www.motosprint.com” e che tale locuzione “motosprint” è quella che identifica la propria pubblicazione settimanale in tema di motociclismo e motoristica;

che parte resistente rileva come non vi sia violazione della legge sul diritto d’autore (art. 100 e 102) perché, da un lato, il domain name (motosprint) non è tale da generare confusione in quanto ampiamente diffuso ed utilizzato nel settore motociclistico per indicare riviste, pubblicazioni ed altro, dall’altro che il ricorrente può a sua volta ottenere una registrazione in rete con un suffisso top level diverso da quelli usati “it” e “com”, dall’altro ancora dicendo che il collegamento con il proprio sito web evidenzia a chiare lettere che si tratta di un sito shop o commerciale destinato alla vendita di ricambi e pezzi meccanici e non il sito della rivista peraltro raggiungibile dal proprio a mezzo di apposito link posti in pagina diversa dalla homepage;

che deve essere rilevato come la questione sollevata non ha nulla a che vedere con il problema del suffisso top level e, conseguentemente, con la giurisdizione o la competenza per territorio, perché la tutela riguarda solo ed esclusivamente il domain name sia per la evidente ragione che questo è il solo elemento dell’indirizzo (u.r.l.) che ottiene tutela legale dalla legge sul diritto d’autore sia perché, il suffisso, per la diffusione che ha in una pluralità di siti, non è nemmeno rilevato dal “pubblico” per il quale non ha importanza che si tratti di sito, in concreto, commerciale o altro;

che, da questo punto di vista, non ha conseguentemente rilievo nemmeno il fatto che il ricorrente possa ottenere una registrazione con un suffisso diverso da quelli adoperati dal resistente;

che deve essere riconosciuta tutela al logo motosprint ai sensi della legge sul diritto d’autore non solamente in virtù del dato che caratterizza una pubblicazione ampiamente e da lungo tempo diffusa sul mercato specialistico, ma anche perché risulta composta dalle parole moto e sprint, unite fra loro in modo tale da caratterizzarsi con aspetto di novità, peculiarità e singolarità, di tal che l’uso della stessa parola composta, a volte con separazione dei suoi componenti a volte (come all’interno del sito e nell’indirizzo senza separazione, determina certamente la violazione prevista dagli artt. 100 e 102 della legge richiamata in tema di utilizzazione di titoli di giornali, riviste ed altro (ultimo comma dell’art. 100);

che, sotto questo aspetto, non appare certamente sufficiente l’inserimento da parte del resistente, all’interno del sito, di un link che porta alla rivista in questione perché ciò non esclude il momento confusorio di chi accede alla rete che può pensare che la rivista abbia, lei, un collegamento con un sito shop posto che la ricerca, anche a mezzo di appositi motori, di siti che trattino di motociclismo indirizza certamente l’utente al domain name “motosprint” così come fa colui il quale voglia, incuriosito, cercare il sito della propria rivista preferita;

che, da questo punto di vista, certamente la giurisprudenza ha chiarito che la tutela legale originariamente prevista in tema di carta stampata va estesa anche ai nuovi e non disciplinati fenomeni del collegamento telematico;

che la diffusione di Internet e l’utilizzazione della rete da parte di utenti anche sprovveduti è indice del periculum che la confusione creata dal resistente può determinare alle ragioni del ricorrente;

che, per tali motivi, deve essere inibito l’uso del domain name motosprint da parte del resistente.