28/11/18 - Giudizio molto critico di Aeranti-Corallo in ordine alla proposta di modifica normativa relativa al rilascio della banda tv 700 e al passaggio alle trasmissioni televisive Dvbt-2 (digitale di seconda generazione)

Ross-micCon riferimento alle proposte di modifica normativa relative al rilascio della banda televisiva 700 e al passaggio alla tecnologia Dvbt-2, presentate dal Ministero dello Sviluppo economico al Tavolo Tv 4.0, l’esecutivo di Aeranti-Corallo esprime un giudizio molto critico.

Al riguardo, l’avv. Marco Rossignoli, coordinatore Aeranti-Corallo, la federazione di categoria che rappresenta 181 imprese televisive locali, ha evidenziato che qualora venga attuata la soppressione della riserva di un terzo della capacità trasmissiva fino a oggi prevista per le tv locali, gli spazi trasmissivi previsti per queste ultime sarebbero assolutamente insufficienti e si verificherebbe, pertanto, un inaccettabile forte ridimensionamento del comparto.

“Inoltre – ha proseguito Rossignoli – non sono stati previsti criteri per l’assegnazione della capacità trasmissiva alle tv locali, con conseguente evidente incertezza circa le modalità di tutto il processo di transizione al Dvbt-2 e con l’impossibilità di operare investimenti al riguardo”.
“Oltre a ciò – ha aggiunto Rossignoli – gli indennizzi previsti per la liberazione delle frequenze da parte delle tv locali sono assolutamente inadeguati. Aeranti-Corallo – ha concluso Rossignoli – auspica, pertanto un ripensamento del processo di transizione che consenta il mantenimento del pluralismo informativo nel comparto.”

(Nella foto: Marco Rossignoli)

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui..

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.