21/6/17 - RadioTv Forum 2017 di Aeranti-Corallo. Rossignoli: "Occorre un progetto di riforma strutturale per l'emittenza locale"

Rossignoli-tavolo-rtvf17 DSC1641Concludendo la relazione 2017 sullo stato dell’emittenza locale, il coordinatore AERANTI-CORALLO,  Marco Rossignoli, ha affermato: “AERANTI-CORALLO rinnova anche in questa sede la richiesta di un progetto di riforma strutturale per l’emittenza locale, che permetta di superare l'attuale stato di crisi, riaffermi il ruolo centrale del comparto nel sistema radiotelevisivo italiano, dia certezza alle imprese, liberi le stesse dalla eccessiva ingiustificata burocrazia e favorisca la ripresa del mercato pubblicitario, in un contesto pluralistico e concorrenziale.”
Rossignoli ha, inoltre, sottolineato che: “Occorre che l'emittenza locale abbia la capacità di affrontare le continue sfide multimediali, dimostrando di saper stare sul mercato. In un mondo sempre più globalizzato vi sarà, comunque, una forte esigenza di locale per conoscere e per essere informati su tutto ciò che riguarda il proprio territorio. Ecco perché l’emittenza locale deve sviluppare ulteriormente la propria presenza sulle nuove piattaforme tecnologiche; deve affiancare alla trasmissione terrestre tradizionale, la diffusione attraverso il web; deve rendere disponibili i propri contenuti anche tramite tablet e smartphone; deve integrare la propria offerta attraverso l’uso sinergico dei social network; deve prepararsi fin d’ora per l’utilizzazione della banda larga”
“Il tutto – ha concluso Rossignoli – con l’obiettivo di trasformare l’ormai vecchio modello di emittente locale in quello di azienda multimediale del relativo territorio.”

 

ProgRTVF17 min

Link al programma dell'evento

(Nella foto: sul podio, Marco Rossignoli in conclusione della propria esposizione)

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui..

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.